EMERGENZA COVID -19. RIPARTI PIEMONTE. CONTRIBURTO A FONDO PERDUTO PER ABBATTERE I COSTI DEI FINANZIAMENTI A SOSTENERE LA LIQUIDITA’ DELLE MPMI E DEI LAVORATORI AUTONOMI PIEMONTESI.

DESCRIZIONE DEL BANDO

La Regione Piemonte, al fine di facilitare l’accesso al credito delle Micro, piccole e medie imprese (MPMI), comprese le imprese di autoimpiego di artigiani e commercianti senza dipendenti, e dei lavoratori autonomi piemontesi, nonché per fornire un supporto per il sostenimento dei conseguenti oneri economici che gravano in modo particolarmente significativo, in una fase di complessità economica e finanziaria, su tali soggetti, intende approntare ulteriori e complementari strumenti: rispetto a quelli attiva dal Governo nazionale e finalizzati ad assicurare il sostegno delle imprese e dei lavoratori autonomi che devono fronteggiare gravi carenze di liquidità in conseguenza delle restrizioni alle attività economiche per effetto delle misure di contenimento dell’epidemia sanitaria COVID-19.

Soggetti beneficiari

La Misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese e ai lavoratori autonomi, che abbiano attivato operazioni finanziarie per il sostegno ad esigenze di liquidità e che dimostrino un calo del fatturato, nel bimestre marzo/aprile 2020, pari o superiore al 30% rispetto allo stesso bimestre del 2019.

 

Per le imprese o lavoratori autonomi attivi a partire dal 1 gennaio 2019 non è necessaria la dimostrazione del calo di fatturato rispetto al bimestre marzo/aprile 2019.

Tipologia di interventi ammissibili

La Misura supporta e rafforza la possibilità di accesso al credito consentendo di far fronte agli oneri che gli stessi sostengono per ottenere finanziamenti concessi da Banche e da altri intermediari finanziari abilita9 alla concessione di credito a far data dal 17 marzo 2020 e fino al 31 dicembre 2020, a fronte di esigenze di liquidità connesse all’attività economica di riferimento.

I finanziamenti: devono essere riferiti ad unità operative attive situate in Piemonte e devono presentare le seguenti caratteristiche:

  • nuovi finanziamenti con una durata fino a 120 mesi;
  • importo massimo pari a 500.000 euro;
  • connessi ad esigenze di liquidità e destinati a sostenere in particolare costi del personale, pagamento fornitori e capitale circolante.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto entro i seguenti importi massimi:

  • euro 2.500 di contributo massimo erogabile per singola impresa o lavoratore autonomo, a supporto di finanziamenti di importo inferiore a 50.000 euro;
  • euro 5.000 di contributo massimo erogabile per singola impresa o lavoratore autonomo, a supporto di finanziamenti di importo compreso tra 50.000 e 100.000 euro;
  • euro 7.500 di contributo massimo erogabile per singola impresa (esclusi quindi i lavoratori autonomi), a supporto di finanziamenti di importo superiore a 100.000 euro e fino a 150.000 euro.

SEI UN IMPRENDITORE O UN COMMERCIALISTA?

Ottieni un Report gratuito e personalizzato sul tuo progetto di Ricerca & Sviluppo